lunedì 23 novembre 2020


MESSA: TRA NUOVO ‘PADRE NOSTRO’ E INCERTEZZE PER QUELLA DI NATALE  

Da domenica 29 novembre 2020, prima Domenica d’Avvento, entra in vigore nella maggior parte delle diocesi italiane il nuovo Messale, per le altre ci sarà tempo entro Pasqua 2021. Dalla preghiera più famosa del mondo sparisce il versetto "non indurci in tentazione" che diventa "NON ABBANDONARCI ALLA TENTAZIONE". Sostanzialmente, è una modifica che, fortemente voluta da Papa Francesco, riguarda la traduzione dal testo originale in greco antico ed è già stata adottata anche da altre conferenze episcopali nelle loro rispettive lingue. Intanto, per Natale, potrebbe esserci un nuovo protocollo per la Messa più sentita ed affollata dell'anno: nuove disposizioni che potrebbero andare dall'orario alle presenze, dai cori alle processioni, un possibile allungamento di un'ora o due, del 'coprifuoco', oggi fissato alle 22:00, per garantire la partecipazione alla Messa di 'mezzanotte' nella sera del 24 dicembre, al rigido controllo degli ingressi, rispettando il numero massimo di quanti possono stare in una chiesa garantendo a tutti il distanziamento sociale, nonché, le indicazioni per le persone che possono stare sull'altare.


BOLLO AUTO: IN ARRIVO LA STANGATA

Mentre in Lombardia il governo regionale ha previsto il rimborso del bollo auto pagato per il 2020 per taxi, noleggio con conducente e gli autobus turistici, l’esenzione totale della Regione Sicilia dal pagamento del bollo per che ha un'auto immatricolata da più di 10 anno o con una potenza fino a 53 kilowatt e con un reddito che non superi i 15.000 euro annui, per tutti gli altri automobilisti italiani ci sono brutte notizie, nonostante la crisi che sta attanagliando l'economica italiana, saranno comunque tenuti a pagare regolarmente l'odiato balzello e dovranno farlo in tempi brevi. Solo in alcune Regioni è stata disposta la proroga del pagamento della tassa automobilistica per aiutare soprattutto le persone che hanno perso il lavoro o che hanno avuto un pregiudizio economico a causa delle restrizioni per arginare la diffusione dei contagi. Quindi, scaduta la proroga prevista, si tornerà al consueto regime e quindi si dovrà versare l'imposta entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello della scadenza, cioè, il 31 gennaio 2021. La situazione più critica si registra per la Toscana dove 331.000 cittadini rischiano sanzioni per il bollo auto non pagato. Al momento non si parla di nuove proroghe, anche se, non si escludono sorprese dell’ultimo minuto.

sabato 21 novembre 2020


COVID-19: BRUNO VESPA, SONO BASITO, NON AVETE FATTO TUTTO IL POSSIBILE

«Una cosa buona l’ha fatta, la cassa integrazione per tutti. Poi però l’INPS ha fatto in modo che arrivassero con ritardi inaccettabili. Si sapeva benissimo che ci sarebbe stato un problema trasporti all’inizio della scuola. Sono veramente basito all’idea che non sia stato fatto tutto il possibile per risolvere alla radice il problema dei trasporti che è stato la causa principale della ripresa del contagio. Secondo problema, i ristori. Non capisco perché non abbiamo imitato la Germania. Guardate il fatturato: hai fatturato 100 nel 2019 e 50 o 40 o 30 nel 2020? Allora to ti do il 40 o 30%, ma dallo a tutti. Per me è stato imbarazzante aver dimenticato delle intere categorie» è il commento di Bruno Vespa, in collegamento con Paolo Del Debbio a ‘Dritto e rovescio’ su Rete 4, alla la gestione dell’emergenza Covid-19 da parte del governo, mentre, Andrea Romano del PD ascolta in silenzio.

COVID-19: CACCIARI, PER IL NATALE, PARLATE DI COSE SERIE, A FINE ANNO AVREMO 2700 MILIARDI DI DEBITO
«Certo che siamo disposti a non andare in discoteca, sembra che il problema sia questo. Non è così. Il problema sono milioni di persone in cassa integrazione, persone che sono a casa con angoscia, perché rischiano di perdere il lavoro. L’80% delle partite IVA è alla canna del gas e siamo qui a parlare del cenone. Non è che tali questioni vengono affrontate se si riapre un giorno prima o un giorno dopo. Se gli scienziati dicono che certe regole servono fino al 31 marzo, va bene. Noi di sinistra dobbiamo porci il problema di diseguaglianze intollerabili all’interno di questa situazione. Discutiamo di aziende che chiudono e gente che va a casa. Alla fine dell’anno avremo 2700 miliardi di debito, chi li paga? Questi sono i discorsi da fare, gli scienziati mi dicano, poi, se devo restare a casa o posso andare al ristorante», è l’ultima bordata sparata dal filosofo Massimo Cacciari, nella trasmissione RAIOtto e Mezzo’, contro il governo, non riuscendo ad ingoiare la sceneggiata sul “Natale sobrio” nell’era del Covid-19.

 


IMMIGRAZIONE: CLANDESTINO CHE SI DICHIARA GAY PUÒ RESTARE IN ITALIA

«Per motivi di ‘orientamento sessuale e identità di genere di fatto si vieta l’espulsione di un immigrato verso uno Stato nel quale si può essere oggetto di persecuzione. In altre parole, sarà sufficiente che QUALSIASI PERSONA CHE ENTRI IN ITALIA DICHIARI DI ESSERE OMOSESSUALE E L’ITALIA NON POTRÀ RIMPATRIARLO. Una follia. Sapete quante persone può riguardare questa norma? Banalmente, tutte. Questo significa abolire ogni limite all’ingresso indiscriminato, mi chiedo, perché la sinistra, invece di continuare a nascondersi, non dichiara apertamente il suo obiettivo? Presenti un emendamento più chiaro: ‘I CONFINI ITALIANI SONO ABOLITI’. Continueremo a batterci in Parlamento e nelle piazze contro la furia immigrazionista della sinistra», scrive sulla sua pagina Facebook la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, puntando l’indice contro l’ultimo emendamento del PD sulla per modificare i decreti sicurezza.


SAN SEVERO: È VENUTO A MANCARE IL DR. NICOLA CURATOLO

È venuto a mancare, nella sera del 20 novembre 2020, il dr. Nicola Curatolo. Nato a Cagnano Varano, ma da decenni residente a San severo, in Provincia di Foggia. Il dr. Curatolo, volto conosciuto ed amato da tutti, fu Ufficiale Sanitario dell’Ospedale ‘Teresa-Masselli Mascia’, poi direttore sanitario. È stato a lungo impegnato in politica come dirigente de P. S. I. sia a Cagnano Varano, sua Città di origine, che a San Severo, dove è stato anche candidato al Consiglio provinciale con il sistema elettorale dell'epoca. Di Nicola, Nicolino, Curatolo, eccellente uomo di cultura, si ricordano le poesie, i sonetti a le sue quartine, a volte dense di ironia, a volte più seriose, che, spesso trovando spazio sulla stampa locale, hanno scandito tantissimi momenti della vita sanseverese. Alla Famiglia le condoglianze della Direzione e Redazione de “Il Campanile”.


COVID-19: VACCINO PRONTO, MA È CORSA ALL’ACQUISTO DEGLI AGHI

Vaccino significa siringhe di precisione, perché senza, è come se non ci fosse, atteso che i vaccini saranno distribuiti in fiale da 5 a 10 dosi, per cui se non si vuole sprecare il prezioso liquido, dato l’alto costo, servono le siringhe di precisione… E pensare che nel 2021 arriveranno in Italia ameno 6 o 7 vaccini e dopo mascherine e banchi a rotelle l’Italia rischia la figuraccia del ritardo. Il commissario all’emergenza, Domenico Arcuri, ha annunciato che lunedì ci sarà la gara per aghi e siringhe auspicando «di essere in possesso delle siringhe prima del vaccini», mentre la Lega ha annunciato la presentazione di un’interrogazione urgente, «per capire le motivazioni di questa grave mancanza e dell’ennesimo errore del commissario. Se la notizia dovesse trovare conferma chiederemo le immediate dimissioni di Arcuri e di Conte che lo ha scelto e nominato. Il rischio è che per i gravi ritardi e le incompetenze di questo governo si prolunghino i tempi di superamento della pandemia in Italia, con la probabilità che i costi sanitari lievitino a dismisura.».

MESSA: TRA NUOVO ‘PADRE NOSTRO’ E INCERTEZZE PER QUELLA DI NATALE   Da domenica 29 novembre 2020, prima Domenica d’Avvento, entra in vigor...